Caraibi, isole nella corrente

 
 

HOME  |  STORIA  |  ISOLE  |  HOTEL  CALENDARIO REGATE  |  GOLF  |  MUST  |  PESCA  |  NOTIZIE  CARNEVALE  |  SERVIZI  |  CONTATTI

 

ISOLE SOPRAVENTO: SAINT VINCENT

 
 

ISOLE

Bermuda
Bahamas
Turks & Caycos
Cuba
Cayman
Giamaica
Repubblica Dominicana
Haiti
Puerto Rico
Isole Vergini
Isole Sottovento
Antille Francesi
Isole Sopravento
Barbados
Trinidad & Tobago
Antille Olandesi

INFORMAZIONI

Territorio - Clima -
Informazioni pratiche
Cosa vedere
Voli
Sport
Ristoranti
Divertimenti
Shopping
Galleria fotografica
Rent a ...
Cambio Valuta Caraibi
Meteo
 

HOTEL

Beach Hotels
Historic Hotels
Best hotel by Trip Advisor Rating
 

STORIA

Dagli schiavi della canna da zucchero al turismo per tutti
 
STORIA DI SAINT VINCENT

 

Garifuna
 

Quando gli spagnoli avvistarono per la prima volta Saint Vincent, l'isola era densamente popolata da indios dei Caraibi, che dall’ isola avevano cacciato i nativi Arawak.
I Caribi erano dei duri e diedero molto filo da torcere ai coloni europei.
Gli schiavi africani divennero i primi residenti non caraibici che si stabilirono sulle isole. Arrivarono nel 1675, fuggendo da una nave olandese che stava affondando.

Nessun membro dell'equipaggio europeo sopravvisse, e gli africani vennero assimilati nella società caraibica.
I loro discendenti vennero chiamati Caribi neri, per distinguerli dai nativi Caribi gialli.

I Caribi erano ostili a tutti gli europei, ma odiavano gli inglesi, che volevano tutti i Caraibi per la Corona.

Per cui i Caribi permisero ai francesi di costruire il primo insediamento europeo sull' isola all'inizio del 1700.

Poco dopo aver ceduto agli inglesi l' isola di Saint Vincent in seguito al Trattato di Parigi, i francesi istigarono i Caribi contro i coloni inglesi: molti di essi vennero uccisi e le piantagioni bruciate.
Gli inglesi risposero con un memorabile sbarco di marines sull' isola di Saint Vincent e deportarono oltre 5000 Caribi a Roatan, isola al largo dell' Honduras. Fine di ogni ribellione.

Da allora St Vincent fu britannica e i proprietari delle piantagioni vi si stabilirono con successo fino al 1812, quando una grande eruzione del vulcano La Soufrière distrusse gran parte delle piante di caffè e di cacao.

Nel 1834 la schiavitù venne abolita e i proprietari delle piantagioni furono costretti a liberare oltre 18.000 schiavi. I neri non lavorarono più nelle piantagioni e i proprietari cominciarono a reclutare manodopera straniera. Ma un uragano nel 1898 e un' altra eruzione nel 1902 distrussero ciò che rimaneva dell' economia della piantagioni.

Nel 1969, Saint Vincent ottenne un parziale autogoverno in associazione con la Gran Bretagna e nel 1979 Saint Vincent e Grenadine acquisì la piena indipendenza come membro del Commonwealth. Lo stesso anno vi fu un' altra eruzione del La Soufrière, che ricoprì quasi tutta l' isola con una spessa coltre di cenere. Ventimila persone si trasferirono nei villaggi settentrionali di Saint Vincent. Inoltre, nel 1980 e nel 1986, due potenti uragani portarono altre devastazioni sulle isole.

Da allora a St Vincent ci si occupa meno di agricoltura e più di finanza offshore. Quella perbene, però. Nel 2003, una commissione di controllo ha rimosso Saint Vincent e Grenadine dalla lista di paesi accusati di gestire il riciclaggio di denaro sporco.

 

STUDIOAEF

 

 
 
 
 

MAPPA DEL SITO