Caraibi, isole nella corrente

 
 

HOME  |  STORIA  |  ISOLE  |  HOTEL  CALENDARIO REGATE  |  GOLF  |  MUST  |  PESCA  |  NOTIZIE  CARNEVALE  |  SERVIZI  |  CONTATTI

 

ISOLE VERGINI AMERICANE: ST. JOHN

 
 

ISOLE

Bermuda
Bahamas
Turks & Caycos
Cuba
Cayman
Giamaica
Repubblica Dominicana
Haiti
Puerto Rico
Isole Vergini
Isole Sottovento
Antille Francesi
Isole Sopravento
Barbados
Trinidad & Tobago
Antille Olandesi

INFORMAZIONI

Territorio - Clima -
Informazioni pratiche
Cosa vedere
Voli
Sport
Ristoranti
Divertimenti
Shopping
Galleria fotografica
Rent a ...
Cambio Valuta Caraibi
Meteo
 

HOTEL

Beach Hotels
Family Hotels
Self-Catering Hotels
Best hotel by Trip Advisor Rating
 

STORIA

Dagli schiavi della canna da zucchero al turismo per tutti
 

St. John: una terra di nessuno la chiamavano, una “no-mens-land”, utilizzata per secoli da tutte le potenze europee, ma mai occupata stabilmente da alcuno. Frequentata sporadicamente per più di 150 anni dagli Spagnoli (Colombo fu il primo) per l’ approvvigionamento d’ acqua e per la cattura di schiavi (gli Amerindi), oppure per la pesca, il sale, la selvaggina, le piante medicinali e la legna. Sulle sue coste approdarono, a turno, Francesi, Olandesi ed Inglesi per esplorarne il territorio e farne una base d’ appoggio per spedizioni sulle altre isole vicine.
Ma il 25 marzo del 1718, Eric Bradel, il Governatore delle Indie Occidentali Danesi e della Guinea Company, arrivando da St.Thomas con cinque soldati, venti agricoltori e sedici schiavi, approdò a Coral Bay, deciso a prendere possesso dell’ isola a nome della Corona Danese. Gli Inglesi, benché si considerassero i legittimi proprietari, non avevano insediamenti sull’ isola e non protestarono più che tanto contro questa iniziativa del governo danese. Fu così che la spedizione danese rese ufficiale un possesso iniziato per altro già da tempo. Infatti gruppi privati danesi, attirati dagli ottimi introiti della coltivazione della canna da zucchero, si erano stabiliti sull’isola sin dal 1694.
Ma solo con l’ arrivo della bandiera Danese a Coral Bay nel 1718, St. John trovò identità e decollo economico.

 
VIRGIN ISLANDS: ST. JOHN
 
Forma di governo: Territorio esterno degli Stati Uniti d' America
Capitale: Charlotte Amalie (St. Thomas) - Capoluogo: Cruz Bay
Superficie:  73 kmq. 
Popolazione: 3.000
Lingua: Inglese (ufficiale);  parlato dialetto creolo
Moneta: Dollaro Usa
Fuso orario: - 5 GMT - UTC

Documenti: E' sufficiente un passaporto valido, per un soggiorno inferiore a 90 giorni nell'arcipelago. In caso contrario, sarà necessario un visto. Le disposizioni per l’ ingresso nelle Isole Vergini Americane sono identiche a quelle per gli Stati Uniti

Prefisso telefonico internazionale: +1.340

Sanità: La situazione sanitaria del Paese è sufficiente

Elettricità: 110 volts. Spine piatte americane, Tipo A,B.
                                                     (Vedi immagine)
 

TERRITORIO

St. John, la più piccola della Vergini Americane, è ricoperta di foreste lussureggianti, splendide spiagge e circondata da un mare limpidissimo. Due terzi della superficie di St. John sono parco nazionale. St. John dista 4 miglia da St. Thomas. Misura 73 kmq., è lunga 14,5 km. e larga 6,5 km, e ha 3000 abitanti.
Il centro principale è Cruz Bay sulla costa occidentale.

 
ISOLE VERGINI AMERICANE: ST. JOHN
 

CLIMA

Il clima è gradevole per tutto l’ anno, con temperature che generalmente oscillano tra i 16 ed i 30 gradi. Il tasso di umidità è sempre piuttosto basso per effetto del continuo spirare degli alisei. Settembre ottobre e novembre, sono mesi generalmente più piovosi.

 

STUDIOAEF

 

 

 
 
 

MAPPA DEL SITO