Caraibi, isole nella corrente

 
 

HOME  |  STORIA  |  ISOLE  |  HOTEL  CALENDARIO REGATE  |  GOLF  |  MUST  |  PESCA  |  NOTIZIE  CARNEVALE  |  SERVIZI  |  CONTATTI

 

ISOLE VERGINI AMERICANE: ST. CROIX

 
 

ISOLE

Bermuda
Bahamas
Turks & Caycos
Cuba
Cayman
Giamaica
Repubblica Dominicana
Haiti
Puerto Rico
Isole Vergini
Isole Sottovento
Antille Francesi
Isole Sopravento
Barbados
Trinidad & Tobago
Antille Olandesi

INFORMAZIONI

Territorio - Clima -
Informazioni pratiche
Cosa vedere
Voli
Sport
Ristoranti
Divertimenti
Shopping
Galleria fotografica
Rent a ...
Cambio Valuta Caraibi
Meteo
 

HOTEL

Beach Hotels
Golf Hotels
Honeymoon Hotels
Self-Catering Hotels
Best hotel by Trip Advisor Rating
 

STORIA

Dagli schiavi della canna da zucchero al turismo per tutti
 
STORIA DI ST. CROIX

Sette bandiere diverse hanno sventolato su Saint Croix. Senza contare le insegne dei Caraibi. St Croix venne colonizzata da Spagna, Inghilterra, Olanda, Francia, Cavalieri di Malta, Danimarca e Stati Uniti.

Cristoforo Colombo sbarcò sull' isola il 14 novembre 1493, alle foci del Salt River: con i Caribi fu subito guerra e si contarono caduti da ambo le parti. Colombo chiamò l' isola Santa Cruz, piantò la bandiera spagnola e spagnolo fu il primo tentativo di colonizzazione.

 
VIRGIN ISLANDS: ST. CROIX - Salt River

Che durò oltre cento anni, tra lotte continue con i Caraibi. Abbandonarono esausti l' isola agli inizi del 1600 gli spagnoli, presto sostituiti da inglesi e olandesi, che cominciarono a combattersi a vicenda e contro i Caribi. Gli olandesi mollarono per primi, ma con un colpo di mano nel 1650 la Spagna si riprese l' isola.

Per essere a sua volta scacciata dalla Francia. A governare St Croix furono poi i Cavalieri di Malta, quando Phillippe de Longvilliers de Poincy, governatore della colonia francese di St. Kitts ne prese possesso nel 1660, per venderla cinque anni dopo alla Compagnia delle Indie Occidentali di Francia. Con il governatore Dubois, la colonia divenne prospera e ricca, con oltre 90 piantagioni tra tabacco, cotone e canna da zucchero. Dopo Dubois, il declino. Gli europei abbandonarono l' isola fino al 1733, quando venne ceduta alla Compagnia Danese delle Indie Occidentali.

Come Roma ai tempi di Romolo e come la Legione Straniera millenni dopo, la Compagnia Danese aprì  le porte a transfughi e perseguitati di ogni genere, nazionalità  e religione, tra cui Ebrei Sefarditi, Ugonotti, e Inglesi del dissenso.
Di qui,avrebbe detto Tito Livio, il nuovo decollo economico dell' isola. La schiavitù, abolita per legge nel 1848, continuò  di fatto fino al 1878, quando una delle due città di St Croix fu messa a ferro e fuoco durante la grande rivolta dei lavoratori.

Nel 1917 la Danimarca cedette l' isola agli USA per 25 milioni di dollari in oro. Da allora la bandiera a stelle e strisce, la settima nel tempo, sventola su St. Croix.

 

STUDIOAEF

 

 

 
 
 

MAPPA DEL SITO