Caraibi, isole nella corrente

 
 

HOME  |  STORIA  |  ISOLE  |  HOTEL  CALENDARIO REGATE  |  GOLF  |  MUST  |  PESCA  |  NOTIZIE  CARNEVALE  |  SERVIZI  |  CONTATTI

 

ANTILLE FRANCESI: MARTINICA

 
 

ISOLE

Bermuda
Bahamas
Turks & Caycos
Cuba
Cayman
Giamaica
Repubblica Dominicana
Haiti
Puerto Rico
Isole Vergini
Isole Sottovento
Antille Francesi
Isole Sopravento
Barbados
Trinidad & Tobago
Antille Olandesi

INFORMAZIONI

Territorio - Clima -
Informazioni pratiche
Cosa vedere
Voli
Sport
Ristoranti
Divertimenti
Shopping
Galleria fotografica
Rent a ...
Cambio Valuta Caraibi
Meteo
 

HOTEL

All Inclusive Hotels
Beach Hotels
Family Hotels
Historic Hotels
Honeymoon Hotels
Self-Catering Hotels
Best hotel by Trip Advisor Rating
 

STORIA

Dagli schiavi della canna da zucchero al turismo per tutti
 

COSA VEDERE

ANTILLE FRANCESI: MARTINICA: Fort Saint Louis

Su un profondo golfo a metà della costa occidentale di Martinica, Fort de France, 100.000 abitanti, è una città piena di brulicante vivacità caraibica, appena restaurata. Fu fondata nel 1624  divenne capitale nel 1902, al posto

di St. Pierre annientata dall' eruzione della Montagne Pelée. La Savane, il cuore della capitale, è un immenso parco di tre ettari che si affaccia sul porto. Sulla penisola davanti a La Savane si trova il Fort Saint Louis, completato nel 1640, che si affaccia sul porto assieme ad altri due forti. Proprio di fronte alla capitale, raggiungibile in battello, si stende la penisola di Pointe du Bout con alberghi, ristoranti, discoteche, porto turistico, e un campo dal golf.

Questa parte dell' isola, oltre ad essere una meta per le vacanze, è anche la zona più famosa di Martinica. A Trois Ilets nacque infatti, nel 1763, Josephine Tascher de la Pagérie,  moglie di Napoleone Bonaparte.

ANTILLE FRANCESI: MARTINICA: Josephine Tascher de la Pagérie e Napoleone Bonaparte

Una strada secondaria percorre la  costa orientale e meridionale a sud della Baia di Fort  de France, passand oper calette suggestive, alcune delle quali conservano ancora lo spirito dei villaggi dei pescatori marticani fino a Le Diamant.
Le Marin, in fondo a una baia stretta e profonda, con un grande porto turistico attrezzato, è un tipico villaggio del sud, con una storica chiesa del 1766, una delle più belle della Martinica. La strada finisce a Grand Anse des Salines, una spiaggia di sabbia bianca e palme, lunga oltre un chilometro, con alle spalle una laguna salmastra. Questo lembo meridionale è arido e selvaggio. Alle spalle si apre la Savane des Pétrification, un paesaggio desolato, con vegetazione pietrificata, cactus e rocce con agata e diaspro.

ANTILLE FRANCESI: MARTINICA: Baignoire de Josephine
 

Di fronte alla parte sud orientale dell' isola corre una barriera corallina punteggiata da piccole isole tra cui l' Ilet Oscar e l' Ilet Thierry, due minuscoli paradisi con un piccolo albergo ciascuno. Nel  reef di fronte agli isolotti si apre Baignoire de Josephine, un' incantevole piscina naturale incredibilmente turchese, grazie al  fondale poco profondo di sabbia bianca.

 Andando da Fort de France verso nord, lungo la strada costiera, si attraversano Case Pilote, con una chiesa barocca del XVII secolo, la più antica dell' isola, e Bellefontaine, piccolo porto di pesca ai piedi della scogliera. Una deviazione all' interno porta a Morne Vert, straordinario punto panoramico sui Pitons de Carbet. A Le Carbet, dove sbarcò Cristoforo Colombo nel 1502, si trova un museo dedicato a Gaugin. Saint Pierre, la prima città fondata in Martinica dai francesi nel 1635, è una specie di Pompei dei Caraibi che venne distrutta dal fuoco e dalla lava nel 1902 per l' eruzione della Montagne Pelée. L' estrema punta settentrionale  è  Grand Rivière, un posto di grande fascino con foreste, montagne e fiume.

 Tutta la costa atlantica è un alternarsi di spiagge e scogliere. Il punto più spettacolare è la penisola della Caravelle, riserva naturale con belle spiagge atlantiche.

 
ANTILLE FRANCESI: MARTINICA: penisola della Caravelle
 

STUDIOAEF

 

 

 
 
 

MAPPA DEL SITO