Caraibi, isole nella corrente

 
 

HOME  |  STORIA  |  ISOLE  |  HOTEL  CALENDARIO REGATE  |  GOLF  |  MUST  |  PESCA  |  NOTIZIE  CARNEVALE  |  SERVIZI  |  CONTATTI

 

ANTILLE OLANDESI: BONAIRE

 
 

ISOLE

Bermuda
Bahamas
Turks & Caycos
Cuba
Cayman
Giamaica
Repubblica Dominicana
Haiti
Puerto Rico
Isole Vergini
Isole Sottovento
Antille Francesi
Isole Sopravento
Barbados
Trinidad & Tobago
Antille Olandesi

INFORMAZIONI

Territorio - Clima
Cosa vedere
Voli
Sport
Ristoranti
Divertimenti
Shopping
Galleria fotografica
Rent a ...
Cambio Valuta Caraibi
Meteo
 

HOTEL

Beach Hotels
Family Hotels
Honeymoon Hotels
Self-Catering Hotels
Best Hotels by Trip Advisor Rating Hotels
 

STORIA

Dagli schiavi della canna da zucchero al turismo per tutti
 
STORIA  DI BONAIRE
 

I primi abitanti dell'isola di cui si conservano tracce furono i Caiquetio, un ramo degli Arawak, che raggiunsero l'isola dal Venezuela intorno all'anno 1000. Vicino alla capitale e alla baia di Lac sono state rinvenute tracce dei loro insediamenti, e nelle grotte della zona settentrionale dell'isola sono tuttora visibili le loro incisioni su pietra.

Bastarono vent'anni dal primo contatto con gli europei nel 1499, per cancellare 500 anni della loro storia. In men che non si dica, gran parte dei Caiquetio morì di malattia o fu deportato schiavo a Hispaniola.

Dopo aver perso St Martin a beneficio degli spagnoli, gli olandesi si rivalsero con la presa di Bonaire nel 1633. L'isola divenne il granaio della Compagnia delle Indie occidentali olandesi fino a quando, nel 1791, il governo olandese ne assunse il controllo. Oltre agli schiavi africani importati dalla compagnia per raccogliere il grano, il sale e il legname, gli altri immigrati  dell' isola  negli  anni  successivi

 

furono avventurieri bianchi d'oltremare, tra cui galeotti provenienti dal Sud America.

Nel 1864 l'abolizione della schiavitù portò al crollo dell'economia, e se il commercio estero continuò a sussistere grazie all'olio di ricino, l'aloe, la carbonella e la carne di capra sotto sale, si tirò un sospiro di sollievo quando, all'inizio del XX secolo, fu scoperto il petrolio in Venezuela.

Bonaire beneficiò delle raffinerie di petrolio delle vicine Aruba e Curaçao: il porto di Kralendijk venne ingrandito e si costruì un aeroporto. La popolazione maschile dell'isola ottenne il diritto al voto nel 1936 e cominciò a protestare per avere maggiore autonomia dalla corona olandese. Nel 1954 la regina Giuliana fece di Bonaire un protettorato olandese, concedendo all'isola una discreta autonomia.

Alla ricerca di nuove risorse economiche, l'isola si dedicò al turismo. I campi di prigionia della Seconda guerra mondiale, allestiti per i prigionieri tedeschi, sono stati in gran parte trasformati in alberghi.

Il parco marino Washington-Slagbaai fu creato negli anni settanta per preservare buona parte del territorio, e la politica di conservazione fu portata avanti con la creazione della riserva di fenicotteri nelle saline dell'estremità meridionale dell'isola. Gli abitanti di Bonaire non si sono mai battuti quanto i loro compatrioti di Aruba per ottenere l'indipendenza dai Paesi Bassi, in compenso hanno cominciato ad approfittare della fama dei suoi fondali tra i sub e a sviluppare il turismo.

ANTILLE OLANDESI: BONAIRE: parco marino Washington-Slagbaai

Nel 2004 le Antille Olandesi, che comprendevano Curaçao, Sint Maarten, Bonaire, Saba e St Eustatius, hanno indetto un referendum per decidere il futuro della Confederazione. La Commissione votò per sciogliere le Antille Olandesi e dal 2007 Bonaire, Saba e St Eustatius hanno ottenuto uno status simile alle municipalità olandesi compreso il diritto di voto alle elezioni.

 

STUDIOAEF

 

 

 
 
 

MAPPA DEL SITO