Caraibi, isole nella corrente

 
 

HOME  |  STORIA  |  ISOLE  |  HOTEL  CALENDARIO REGATE  |  GOLF  |  MUST  |  PESCA  |  NOTIZIE  CARNEVALE  |  SERVIZI  |  CONTATTI

 

ANTILLE OLANDESI: ARUBA

 
 

ISOLE

Bermuda
Bahamas
Turks & Caycos
Cuba
Cayman
Giamaica
Repubblica Dominicana
Haiti
Puerto Rico
Isole Vergini
Isole Sottovento
Antille Francesi
Isole Sopravento
Barbados
Trinidad & Tobago
Antille Olandesi

INFORMAZIONI

Territorio - Clima
Informazioni pratiche
Cosa vedere
Voli
Sport
Ristoranti
Divertimenti
Shopping
Galleria fotografica
Rent a ...
Cambio Valuta Caraibi
Meteo
 

HOTEL

All Inclusive Hotels
Beach Hotels
Business Hotels
Family Hotels
Honeymoon Hotels
Self-Catering Hotels
Best Hotels by Trip Advisor Rating Hotels
 

STORIA

Dagli schiavi della canna da zucchero al turismo per tutti
 
STORIA  DI ARUBA

Ad Aruba, Alonso de Ojeda, che prese l' isola in nome della Corona Spagnola nel 1499, arrivò per caso. O meglio, se la trovò davanti mentre la sua nave andava quasi alla deriva, trascinata dagli Alisei, e i suoi marinai la riparavano dopo una tempesta. Don Alonso piantò la bandiera di Spagna su una duna di sabbia più alta delle altre, si guardò intorno e vide   un'  isola   arida  e  bella,  battuta  dal

 
ANTILLE OLANDESI: ARUBA - Alonso de Ojeda

vento, senza un albero a fare ombra, con un mare stupendo e un sole implacabile.

Aruba era abitata dagli arubaes, una tribù arawak proveniente dall' America meridionale continentale.

Gli spagnoli non si interessarono molto ad Aruba, salvo deportare alcuni indigeni per farli lavorare alle miniere di Hispaniola.

Dopo la guerra tra Francia e Olanda, nel 1636 Aruba passò all' Olanda e Alla fine del 1600 gli olandesi cominciarono a colonizzare l' isola. Il suolo povero e arido salvò l' isola dall' economia delle piantagioni e dalla tratta degli schiavi. Gli olandesi lasciarono che gli Arawak continuassero a pascolare il bestiame, utilizzando l'isola per gli approvvigionamenti di carne da destinare agli altri territori olandesi nei Caraibi.

Gli inglesi arrivarono nel 1805, durante le guerre napoleoniche, ma se ne andarono nel 1816.

Poco meno di dieci anni dopo, Aruba ebbe il primo dei suoi tre boom economici: vicino a Balashi venne scoperto l' oro.  Dall' Europa e dal

ANTILLE OLANDESI: ARUBA - Raffineria
 

Venezuela cominciò ad arrivare un' orda di immigrati affamati d' oro e le attività minerarie continuarono fino al 1916. Quando le miniere diventarono improduttive, Aruba iniziò a raffinare il petrolio in grande

quantità.  Nel 1929 la  più  grande raffineria del mondo venne costruita all' estremità sud-orientale dell' isola. Il bilancio fu positivo fino agli anni '40, quando Aruba cominciò a risentire del ruolo di secondo piano rispetto a Curaçao nella federazione delle Antille Olandesi (al tempo composta da Aruba, Bonaire, Curaçao e Suriname). Le sempre più pressanti richieste per ottenere l' autonomia durarono per i successivi 40 anni e nel 1986 Aruba si separò dalla Antille Olandesi conservando tuttavia un rapporto di cooperazione economica e monetaria.

L' indipendenza portò Aruba molto vicina a un grave crollo economico, dovuto in gran parte alla chiusura della raffineria petrolifera. Dopo avere esaurito il vero oro e avere raffinato l' oro nero, gli abitanti di Aruba si diedero al turismo per finanziare il futuro. Gli investimenti nelle infrastrutture turistiche sull' isola sono stati notevoli e Aruba oggi vanta più di sessantamila camere d' albergo e quasi un milione di visitatori ogni anno. La raffineria di petrolio riaprì nel 1991, tuttavia attualmente il principale pilastro dell' economia dell'isola è il turismo. Raggiunta l' autonomia economica grazie al boom turistico, Aruba archiviò i progetti per la propria piena indipendenza. L' Olanda è tuttora responsabile degli affari esteri e della difesa dell' isola, e continua ad aiutarla economicamente.

 
 

STUDIOAEF

 

 

 
 
 

MAPPA DEL SITO